È fra i 49 e i 50 anni che l’essere umano vive i migliori dieci anni della vita.

LIBERTà 50 ANNI

La vita è breve e non abbiamo mai troppo tempo per trasformare i sogni in realtà.

La nostra vita è come un puzzle e fin quando ogni tassello non viene sistemato al punto giusto non è possibile vedere la vera immagine. Da sempre è noto che i 50 anni sono un’età critica, si comincia ad avere la consapevolezza che si ha più passato che futuro. E proprio in quel momento scatta una molla invisibile che crea uno state of mind sconosciuto e si tende a mettere in fila tutte le cose o situazioni che non ci piacciono perchè solo la piena consapevolezza di ciò che non si vuole porta alla libertà concettuale che è la colonna portante di quella reale.E in quel momento si apre un mondo o forse un universo dove poter trovare cose da poter fare,persone da frequentare,sogni da realizzare perchè si fa proprio il concetto di come non sprecare il tempo che ci rimane.
E allora perchè non fare quello che ci rende felici il più presto possibile?
Per esempio fare qualcosa partendo da zero. Creare qualcosa da soli provoca sorpresa con noi stessi.

Trovare una frase o citazione che possa diventare un mantra personale e ripeterlo ogni giorno quando ci si sente tristi o stressati.

Ricordare tutti i complimenti che si ricevono, dimenticare gli insulti ma non tutti, qualcuno è necessario conservarlo.

Invitare i genitori a cena e abbracciarli il più possibile, non possiamo sapere quando se ne andranno per sempre.

Scrivere una lettera su carta al vostro partner o figlio per dire loro quanto li amate. Ognuno merita di sentirsi amato e statene certi conserverà quella lettera come un santino.

Visitare tutti i monumenti della vostra città. Dentro ogni frammento di pietra, dentro un dettaglio di ogni quadro c’è un ricordo di una vostra precedente vita.

Osare nel vostro lavoro. Non si sa mai cosa può succedere.

La sera non accendete la televisione e parlate,guardate il vostro uomo o la vostra donna, quello è il più bel film o spettacolo che abbiate mai visto.

Abbandonate la tecnologia per un giorno a settimana, vi sentirete veramente liberi perchè nessuno potrà sapere dove siete e cosa state facendo.

Trascorrere una notte in tenda, sotto le stelle e a contatto con la terra che è la madre di tutti.

Perdonare se stessi,lasciare da parte i rancori e per fare questo uno dei modi migliori è viaggiare da soli,senza una meta,in questo modo avrete la possibilità di conoscere meglio lo sconosciuto che vi vive dentro.

Ridere il più possibile, il sorriso permette all’anima di respirare e costa meno della corrente elettrica… e da più luce.

Guardare il film preferito ancora una volta e non vergognarsi della commozione che si prova, ogni lacrima è diversa esattamente come le nuvole.

E infine essere cauti e comprensivi con chi fa considerazioni sulla vita,prendete col beneficio d’inventario tutto ciò che avete letto perchè in fondo nel mondo non ci sono mai state due persone uguali. Non più di quanto ci siano mai stati due capelli o due grani identici.

Le persone hanno una cosa in comune: sono tutte differenti.

 

Di Enzo Cagnetti

 

 

 

Enzo Cagnetti

Enzo Cagnetti

Scrittore

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>