FBI recupera uno Stradivari rubato 35 anni fa

stradivari

Lo strumento era stato rubato al musicista Totenberg negli anni ’80

Correva l’anno 1734 quando il famoso liutaio Antonio Stradivari finì di costruire questo bellissimo violino. Lo strumento venne acquistato da George Ames che diede il suo nome al prezioso violino. Dopo un salto di quasi 2 secoli arriviamo negli anni quaranta.
Esattamente nel 1945 Ames Stradivarius passo nelle mani del talentuoso violinista polacco Totenberg. L’artista, che viveva negli Stati Uniti, esibì il suo talento in concerti, orchestre e insegnò in vari conservatori. Il Violino Ames Stradivarius era la sua voce. Le sue mani.

Nel 1980, dopo un concerto presso la Scuola di Musica Longy a Cambridge, Massachusetts,il violino venne rubato dall’ufficio del grande musicista. I sospetti si concentrarono su uno studente di nome Philip Johnson ma l’assenza di sufficienti prove non lo incriminarono.
Il caso rimase irrisolto e Totenberg morì nel 2012 allìetà di 103 anni senza ma più rivedere il suo violino.

Dopo 35 anni dal furto l’ex – moglie di Phillip Johnson ha trovato uno strumento tra gli effetti personali del suo ex marito. Lo ha messo in vendita. Ma l’unicità si riconosce. E qui sono entrati in campo gli agenti del Fbi. I periti, dopo varie analisi, non hanno avuto dubbi:quel violino era un Ames Stradivari

Il caso è stato risolto e il violino è tornato nelle mani della famiglia Totenberg.e la figlia Nina,leggittima erede del prezioso strumento che ha un valore di 5 milioni di dollari, ha annunciato che venderà il violino preferibilmente ad un artista piuttosto che a un collezionista.
Uno Stradivari deve suonare. Sarà sempre così.

 

 

 

Enzo Cagnetti

Enzo Cagnetti

Scrittore

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>