Gestiva quasi 500 alloggi a Bologna. E li affittava tutti in nero agli studenti stranieri

affitto in nero

BOLOGNA – Cercavano affitti in nero, hanno scoperto un finto e abusivo agente immobiliare e una marea di alloggi concessi a studenti stranieri venuti a Bologna in barba alle regole e alle tasse. Al suo nome la Guardia di finanza è arrivata anche indagando con accertamenti bancari che hanno fatto venire a galla “l’anomala operatività di un conto corrente intestato al soggetto controllato”: aveva movimentato grandi quantità di denaro in contanti, in entrata e in uscita, e disposto bonifici a favore di terzi, indicando nella causale, il pagamento di canoni di locazione.

Il falso agente immobiliare, spiega dunque una nota della Gdf, era un italiano titolare di una ditta individuale attiva nei servizi connessi alla richiesta di certificati ed al disbrigo pratiche; ma non viveva solo di quello: da “diversi anni”, infatti, aveva per le mani “numerosi immobili” sparsi a Bologna “affidatigli dai rispettivi proprietari sulla base di accordi verbali”. Erano davvero un bel po’: circa 470 locazioni concesse, per conto di 45 proprietari, ad altrettanti studenti di nazionalità straniera, soggiornanti sotto le Due torri.

E così, indagando su di lui, “sono state contestate violazioni per trasferimento di denaro contante per un valore pari a oltre mezzo milione di euro tra il soggetto controllato e i proprietari degli immobili locali”. A carico dei proprietari, oltre alla violazione per omessa dichiarazione di redditi di fabbricati, per un importo complessivamente superiore a 700.000 euro, sono state anche contestate violazioni amministrative per omessa registrazione di contratti di affitto e mancata comunicazione all’autorità di pubblica sicurezza degli alloggi affittati.

 

Fonte Agenzia Dire – www.dire.it

 

 

 

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>