Giulia Gregorig, Making and unmaking. Voce, talento e bravura

giulia_gregorig

Avevamo già intervistato Giulia quasi un anno fa, in occasione dell’uscita del suo album. Ragazza molto giovane e di talento, vocalità molto fresca e ottima abilità allo strumento ne fanno un’artista molto interessante da seguire e con ottime prospettive per il futuro.

Giulia Gregorig è una nostra vecchia amica, “Other’s threads” è il quarto singolo dal tuo album di esordio “Making and unmaking”. Un bel traguardo.
“Sì sono molto soddisfatta per il lavoro che stiamo facendo, per il momento sono contenta di come stanno andando questo e gli altri singoli.”

Il tuo primo singolo “Little snake”.
“Sì esatto, poi “Drones”, “Let the water fall” e questo è il quarto “Other’s threads””,

Questo pezzo ha un video piuttosto particolare, dove tu suoni in maniera particolare.
“Sì diciamo che l’ho ri arrangiata per suonarla da sola in acustico col piano, quindi è una versione parecchio diversa dall’originale dove invece è preponderante la chitarra e c’è la batteria, il basso.”

Making and unmaking” è uscito qualche mese fa?
“Sì l’ho fatto uscire verso febbraio marzo col primo singolo e a breve sarà disponibile anche su Itunes e sugli altri canali digitali.”

Giulia è una cantautrice, tu hai scritto i testi. Vuoi ricordare chi suona con te?
“Allora, alla chitarra c’è Giovanni Ghiold che è il produttore e l’arrangiatore dei brani, con lui ne ho scritti alcuni, ad esempio “Other’s threads”, poi ci sono Diego Mariani alla batteria e Gabriele Costa al basso.”

E poi ti hanno accompagnato in date live, ma ora sei un po’ in riorganizzazione.
“Sì, recentemente ho partecipato a un festival molto bello a Torino, ho fatto altre date soprattutto da sola e adesso sono ferma, sono in fase promozionale e comunque ho avuto delle belle soddisfazioni, è stato molto intenso, mi sto muovendo molto da sola, piano e voce.”

Hai una voce molto particolare, si sente anche dai video. È un album fresco, cantautorale ma di Rock, cantato in inglese con personalità. Per curiosità, sei in preparazione di nuove canzoni?
“Allora, sì mi piacerebbe molto iniziare a lavorare su qualcosa di nuovo perché ho già del materiale, sicuramente è quello che vorrei fare prossimamente. Spero di trovare modo e tempo e tutte le risorse per un nuovo album. Vorrei anche scrivere in italiano, non escluderla del tutto come lingua. Il materiale c’è.”

Benissimo attenderemo le tue nuove uscite e di rivederti dal vivo.
“Con la band è un p0′ difficile mettere assieme tutti, però riesco a muovermi ormai da sola con la mia tastiera.”

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>