I BEATBOX e il loro show Revolution

BEATBOX

Nel 1965 l’Italia, fu attraversata da una vera e propria “rivoluzione” che, con un attimo di ritardo rispetto al resto dell’Europa e del mondo, riempì anche il nostro paese di musica e colore, ma anche di quell’esigenza di cambiamento, di cui proprio i giovani erano il vettore principale. Il nome di quella rivoluzione era The Beatles.

Dal 24 al 28 giugno 1965 i Beatles furono in Italia per un breve tour che comprendeva Genova, Milano ma soprattutto le due date storiche del 27 e del 28 giugno a Roma al Cinema Teatro Adriano. A ricordare (sono passati cinquanta anni!) la tournée che Paul, John, Ringo e George realizzarono in Italia nel 1965 ci pensa lo spettacolo “Revolution: The Show – The Best Beatles Experience

Con questo show il pubblico ha la possibilità di rivivere la straordinaria epopea dei Beatles. Dagli inizi al Cavern di Liverpool al concept album Sgt. Pepper fino ai due ultimi album: Abbey Road e Let It Be.

Sul palco The Beatbox, attualmente riconosciuto da stampa e fan club britannici come il miglior live act beatlesiano europeo. Sei cambi di scena, costumi fedelmente riprodotti, strumenti originali e su tutto canzoni eseguite con una ricercatezza e un’accuratezza sonora quasi maniacale. L’abile mano del Regista Giorgio Verdelli (Fantastico, Canzonissima, Quelli Della Notte, Mr. Fantasy) e beatlesiano da sempre, firma uno spettacolo di alto livello. Un’esperienza veramente irripetibile per beatlesiani D.O.C ma anche per tutti coloro i quali hanno nel cuore brani come Yesterday, Let It Be, Get Back, Ticket To Ride e tanti altri.

Per il pubblico una vera e propria immersione nella storia dei Beatles con i Beatbox, unanimemente riconosciuti come uno dei migliori live act beatlesiani nel mondo e sicuramente i numeri uno in Europa. quattro musicisti dal curriculum più che nobile: Alfio Vitanza, Mauro Sposito, Riccardo Bagnoli e Guido Cinelli vantano collaborazioni con i grandi nomi del pop italiano (Latte e Miele, Antonello Venditti, Anna Oxa, Eugenio Finardi, New Trolls, Dario Baldan Bembo e molti altri).
I Beatbox hanno già suonato i mezza Europa, riscuotendo larghi consensi con spettacoli sold out. Lo show percorre la storia dei Beatles, con esecuzioni fedelissime a quelle originali. La scaletta è quella che i Beatles proponevano al top della loro carriera concertistica, prima di interromperla per dedicarsi alla sperimentazione in sala di incisone, e i Beatbox la ripropongono fedelmente, con una accuratezza esecutiva assoluta, restituendo all’ascoltatore l’impatto sonoro e soprattutto vocale del leggendario quartetto.

Lo show è diviso in 6 quadri, 3 nel primo tempo e 3 nel secondo tempo. Ogni singola parte rappresenta un importante momento storico della carriera dei Beatles.

Ad ogni quadro corrisponde un periodo della storia dei Beatles e un relativo cambio d’abito e di scena.

• Cavern Club – L’inizio al celebre Club di Liverpool

• Beatles-mania – In tutto il mondo si comincia a parlare dei Beatles

• Shea Stadium – I Beatles conquistano l’America

• Sgt. Pepper – Il primo Concept Album della storia del Rock

• Flower of Power – La psichedelia e il viaggio in India

• Abbey Road/Let it Be – Gli ultimi due album prima della loro definitiva separazione.

Durante i cambi d’abito vengono proiettati, su un ledwall, filmati evocativi e relativi al periodo trattato.
Lo spettacolo è concepito in maniera multimediale, oltre ai video comprende scenografie, e disegni luce, che sono parte integrante delle singole canzoni. Gli strumenti musicali sono originali dell’epoca, e assolutamente identici a quelli usati dagli stessi Beatles e gli abiti usati durante lo spettacolo, come pure gli accessori, sono stati riprodotti fedelmente e sono stati realizzati dalle stesse ditte che li hanno a suo tempo realizzati per i Beatles.

Le prossime date degli spettacoli dei BEATBOX li trovate qui: http://www.thebeatbox.eu/TOUR.html

 

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>