Il Montello Docg diventa francobollo

Montello

Un annullo filatelico per immortalare il Montello Docg. L’emissione delle Poste Italiane è avvenuta lo scorso lunedì 11 aprile, in occasione dell’apertura del Salone del vino e dei distillati, meglio conosciuto come Vinitaly. La bottiglia di Montello Docg, prodotta nella zona di Asolo, terra di prosecco, ma che ama dedicarsi anche alla produzione di altri vini, comparirà dunque su un francobollo da 0,95 euro. «Questo francobollo – ha spiegato Armando Serena, Presidente del Consorzio Vini Asolo Montello – riconosce la Docg Montello come un’eccellenza italiana, dopo la recente emissione filatelica dello scorso ottobre anche per l’altra nostra Docg, l’Asolo Prosecco Superiore. Due realtà che insieme raccontano questo straordinario territorio italiano». Si tratta di una interessante promozione che darà la possibilità al Montello e al Consorzio, che ne tutela il nome e l’immagine, di godere di una bella visibilità e di attrarre attenzione su un prodotto poco diffuso in Italia nonostante i pregi.

Il vino si può dire che sia ancora di nicchia, apprezzato soprattutto in ambito locale e regionale, dalla quantità limitata, ma dalle possibilità di crescita importanti. I produttori si stanno lavorando sull’export, fondamentale per la crescita, ma appunto i limiti di una simile operazione sono dati dalle ristrette produzioni. Il Montello si ottiene dalle uve Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc, Carmenere. Negli anni l’origine dei vitigni è stata dimenticata per diventare spontaneamente il Montello Docg, un “bordolese in segreto”. Un vino dal colore rosso rubino che tende al granato con l’invecchiamento, dalla elevata struttura e con un grande equilibrio fra le diverse componenti ed un’alta morbidezza al palato. Raggiunge gradazioni alcoliche di 13 gradi circa all’imbottigliamento, ha un affinamento di 6 mesi e un invecchiamento totale di 18. Viene quindi messo sul mercato abbastanza giovane, anche per premiare l’impegno, la fatica e la costanza dei produttori, che potrebbero indirizzarsi verso il solo Prosecco. Può benissimo stare in bottiglia per lungo tempo, anche per 10 anni, senza subire alterazioni. Ha insomma tutte le carte in regole per diventare un grande vino da abbinare a piatti e portate importanti. Il costo medio della bottiglia è intorno ai 15 €.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>