Vinicio Capossela: un festival all’incontrè

19511067_794813287354385_542222601782025095_n2

“All’incontrè – Rivoluzioni e Mondi Al Rovescio”
– Dal 21 al 27 Agosto a Calitri ed in Alta Irpinia –

E’ giunto alla sua quinta edizione lo Sponz Fest 2017, il festival ideato e diretto da Vinicio Capossela.

Nato in un piccolo paese dell’Alta Irpinia, il festival prende il nome Sponz dallo “sponzamento”, ossia la perdità di rigidità: “l’ammorbidirsi in un bagno di sudore liberatorio della festa, del ricreo, del sacro tempo e dell’inutile”. Questo lo spirito del festival.

Quest’anno il tema dell’evento è stato “All’incontrè, rivoluzioni e mondi al rovescio”, per cambiare mano e poter avere l’occasione di guardare le cose al contrario, assuefatti dalle regole dell’ordine a cui siamo abituati, ribaltandolo. All’incontrè è il grido di battaglia delle quadriglie comandate da sposalizio dell’Alta Irpinia. Nel momento culminante del rito dionisiaco della fertilità, quando si giunge al culmine dell’euforia tra canti e danze, quando l’ebbrezza della festa raggiunge il suo apice, altro non si può fare che cambiare il giro di danza all’urlo:

“Contrè! Girè! All’incontrè!”

Il focus del festival è stato proprio questo, il rovescio del tutto. E’ solo ribaltando che si possono ri-creare idee e nuove visioni. Si gira all’incontrario, quindi il primo giorno corrisponde il settimo nelle scritture cristiane, ovvero quello del riposo, della ri-creazione. La ricreazione del mondo..ed è così che il festival ha inizio.

Sei giorni dedicati all’euforia, alla cultura, al ritorno alla terra e al suo valore. Sei giorni di letture, balli, concerti, cibo, buon vino, conditi con folklore e caos e con gli interventi di personaggi di prestigio come Erri De Luca, e con iniziative importanti come l’Università dei ripetenti, perché tutti noi abbiamo fatto degli errori, quegli errori che portiamo fieramente sulle nostre spalle e che ci hanno insegnato a crescere. Per poi procedere alle spiegazioni del cielo come fosse una grande lavagna di scuola. Si fabbricano mongolfiere di carta, si balla e si canta il Rock mistico, si costruiscono orecchie d’asino. Si sale su un treno, che arriva direttamente dalla Puglia e insieme si va alla stazione dismessa di Conza- Cairano – Andretta. Sul treno un gruppo teatrale anima le corse, per poi giungere al palco della stazione e continuare con balli, canti e proiezioni di film.

Massimo Zamboni, Dobranoitch, Federico Maria Sardelli, Emir Kusturica/No Smoking Band e ovviamente Vinicio Capossela sono solo pochi dei nomi che hanno reso indimenticabile questo Festival all’incontrario.

Se grazie a questo evento ve ne siete innamorati e non avete ancora fatto programmi per la fine di quest’estate, la bucolica Calitri vi aspetta a braccia aperte..sempre all’incontrario!

Ph credit: Pagina FB ufficiale Sponz Fest

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>