Whatsapp gratis: ritorno alle origini

Immagine Whatsapp

Abolito il canone annuale di 89 centesimi introdotto nel 2014. L’app torna ad essere gratuita, e sul sito ufficiale assicurano: “no a pubblicità e contenuti spam”.

WhatsApp torna gratis. Con una nota ufficiale sul proprio sito la società di messaggistica ha annunciato che nei prossimi giorni verrà abolita la tassa di 99 centesimi di dollaro (89 centesimi di euro) che l’azienda stessa richiedeva agli utenti che usassero l’app da più di un anno. Nonostante ciò, la compagnia ha annunciato che non verrà introdotta in nessun modo pubblicità con inserzioni di terzi nella chat, mantenendo quindi il servizio inalterato. Acquistata da Facebook per 19 miliardi di dollari due anni fa, WhatsApp conta circa un miliardo di utenti nel mondo, e con questa iniziativa mira ad espandersi anche nei Paesi in via di sviluppo.
“Per molti anni, abbiamo chiesto alle persone di pagare una fee per l’uso di WhatsApp, dopo il primo anno. Crescendo abbiamo capito che non era l’approccio giusto, tanti utenti non possiedono un numero di carta di credito e avevano paura di perdere i contatti con amici e parenti dopo il primo anno. Così nelle prossime settimane rimuoveremo le tariffe dalle differenti versioni della nostra app e WhatsApp non richiederà più un canone per il servizio”, si legge nella nota ufficiale. Una notizia sicuramente positiva per tutti gli utenti che si erano lamentati dopo l’introduzione del canone nel 2014. L’abbonamento annuale scattava obbligatoriamente dopo i primi dodici mesi di utilizzo dell’applicazione, mentre per gli utenti che avevano scaricato l’app prima del 2014 il servizio era rimasto gratuito. Nonostante la cifra fosse molto esigua, il sistema creava problemi a tutti gli utenti non possessori di una carta di debito o di credito, specialmente nei Paesi in via di sviluppo dove l’accesso ai sistemi bancari risulta difficoltoso. Ed è proprio in questi Paesi che la società vuole introdursi, per espandere ulteriormente il servizio ed accrescere il numero di utenti.
“Se state pensando che quest’annuncio comporti l’introduzione di pubblicità provenienti da terze parti, vi sbagliate. Testeremo nuove impostazioni che renderanno facile l’uso di WhatsApp e vi faranno vivere un’esperienza senza spam”, rassicura nella propria nota WhatsApp. La compagnia collauderà nuovi modelli di business, come comunicare tramite la chat con aziende ed organizzazioni di proprio interesse. L’app si arricchirà quindi di un nuovo servizio: discutere delle ultime transazioni con la propria banca o inviare una lamentela per il ritardo di un volo ad una compagnia aerea sarà più semplice ed offrirà un contatto più diretto tra i consumatori e le aziende.

Alain Martinelli

 

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>