E morto Johan Cruyff,il Che Guevara del calcio

cruyff

Si è spento all’età di 68 anni Johan Cruyff,il profeta del gol. L’ex giocatore dell’Ajax è morto circondato dalla sua famiglia dopo una lunga battaglia contro il cancro.

Chi non ha mai visto giocare il numero 14 probabilmente non può capire che tipo di rivoluzione ha portato il suo modo di fare calcio. Esiste il prima e il dopo Cruyff e per questo potremmo dire che il capitano dell’Olanda è stato una sorta di  Che Guevara del calcio. Con il suo modo di giocare, con i suoi comportamenti, a volte anticonformisti, ha rivoluzionato il modo di pensare e interpretare il gioco più diffuso al mondo.
Fu l’interprete del calcio totale dell’Ajax e dell’Olanda guidata da Rinus Michels che negli anni settanta stravolse il mondo del calcio rendendolo a “colori”. L’anarchia organizzata, l’improvvisazione e il “saper far tutto” non erano solo un modulo calcistico ma uno stile di vita, una modalità diversa che, attraverso una serie di interpreti di cui Johan Cruyff ne era la punta di diamante, dimostrò al mondo intero che la genialità non è altro che pazzia con metodo.

 

 

Enzo Cagnetti

Enzo Cagnetti

Scrittore

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>