“Giro di vita” di Alessio Rega

Please select a featured image for your post

“Volevo ripristinare i legami interrotti, rimetterli sui binari giusti dopo i deragliamenti che avevano subìto. Ero tornato per chiudere tutti quei cerchi che erano rimasti aperti e che nel frattempo si erano sovrapposti o concatenati, creando un groviglio difficile da sciogliere.”

Alessio Rega ci presenta un pezzo di vita, fittizia ma intensa, del giovane Gabriele – per gli amici Gabri – partendo dal suo ultimo anno di liceo. In questo Giro di Vita, edito da Les Flaneurs, osserviamo Gabri alle prese con le odierne sfide del nostro paese, comuni a ogni ragazzo, sospeso tra maturità, studio, primi amori, amicizia, lavoro. Una ricetta il cui sapore è reso amaro dalla separazione dei suoi genitori avvenuta nel frattempo, evento che determinerà non poco il suo sviluppo caratteriale. Attraverso i capitoli osserveremo la varietà di scelte che Gabri si troverà a compiere: decisioni che spesso lo condurranno su una strada da percorrere tutto da solo, mentre una dura realtà, quella del “mondo adulto” si dipana davanti ai suoi occhi offuscando sogni e speranze da adolescente.

L’autore dimostra una notevole capacità espressiva in queste pagine, cimentandosi nella costruzione di un realistico frammento di vita comune ma niente affatto banale.

Questo grazie al suo talento nel descrivere situazioni e stati d’animo espressi dal protagonista, tanto che a volte sembra possibile viverli in prima persona. Siamo stati tutti adolescenti, in fondo, messi alla prova su quel confine tra giovinezza e maturità che oggigiorno si rivela sempre più fragile a causa delle avversità. Molti lettori troveranno se stessi nelle scelte di Gabri, senza alcun dubbio. Giro di Vita si rivela in definitiva una piacevole e inedita sorpresa che merita di essere letta.

Come nasce quest’opera letteraria?

Nasce da lontano, sui banchi del liceo, quando ho scoperto la lettura e tutti quei libri che mi porto dietro da sempre come Due di due di Andrea De Carlo o Jack Frusciante è uscito dal gruppo di Enrico Brizzi.

Quale messaggio vuoi trasmettere a tutti coloro che si ritroveranno tra le mani questo libro?

Di non lasciare mai niente in sospeso, di chiudere sempre tutte quelle situazioni che ci fanno soffrire e di guardare avanti sempre perché tanto il passato non si può cambiare.

Cosa pensi dell’editoria d’oggi?

È una giungla e, nella mia doppia veste di editore e autore, ho ormai ben compreso molti dei sui meccanismi. Purtroppo, fatta eccezione per quel nucleo di lettori forti, si legge ancora poco e male. Tuttavia ci sono anche libri che, per la forza del loro messaggio, riescono comunque a farsi strada.

Leggi il mio libro perché…

Se hai l’età dei protagonisti ti sembra di essere dentro la storia, di farne parte anche tu. Se sei più grande, è un modo per fare un tuffo nei ricordi, tornare indietro a un periodo della vita bello ma al tempo stesso anche doloroso e riguardare con tenerezza al tuo io ragazzo.

Progetti futuri?

Ho terminato da un po’ il mio secondo romanzo dal titolo “Anna e Svevo”. È una storia d’amore sui generis tra un pittore di 70 anni e un’arpista di 20. È un inno all’amore in tutte le sue sfaccettature. Al momento è in mano a un importante agente letterario.

Il libro merita 5 stelle su 5.

ALESSIO REGA

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>