La logica corretta delle discussioni

comandamenti

Solitamente quando cammino trovo ispirazione per scrivere, soprattutto scrivere gli articoli per il Blog, ma questa mattina l’illuminazione è arrivata da una passeggiata virtuale. Tra i tanti contenuti che una persona può notare su un social network site come Facebook non ho potuto non notare un’immagine, questa mi ha subito colpito, ed infatti vi riporterò paro paro il suo contenuto. Di che si tratta? Delle discussioni. La vita è bella perché varia, ed in quanto tale le persone hanno diverse idee. Ma quante di queste persone hanno la capacità di portare acqua al proprio mulino correttamente?

La risposta non è possibile da dare, però una cosa che posso e voglio fare è riportarvi uno per uno i dieci comandamenti della LOGICA.

1. NON ATTACCARE LA PERSONA MA GLI ARGOMENTI.
Sembra un comandamento scontato, ma essendo onesti con se stessi potrebbe essere successo di trovarsi nella condizione di dare torto ad una persona a prescindere in quanto questo individuo, per qualche motivo, non era di vostro gradimento.

2. NON DEFORMARE NÉ INGIGANTIRE L’ARGOMENTO DI UNA PERSONA PER ATTACCARLO MEGLIO.
Sarò particolarmente sincero, io questo comandamento non lo rispetto sempre, non tanto per furbizia ma probabilmente per colpa di azioni inconsapevoli. Sono pur sempre un essere umano, ma da oggi cercherò di rispettarlo di più, promesso (giuringiurello).

3. NON USARE IL PARTICOLARE PER RAPPRESENTARE IL GENERALE.
Il messaggio arriva forte e chiaro, il comandamento parla da solo senza il bisogno di spenderci altre parole.

4. NON SOSTENERE IL TUO PUNTO DI VISTA DANDO PER SCONTATO CHE UNA DELLE PREMESSE SIA VERA.
Ampliare i nostri punti di vista è sempre un bene, SEMPRE.

5. NON SOSTENERE CHE SICCOME QUALCOSA È ACCADUTO PRIMA ALLORA È LA CAUSA.

6. NON RIDURRE IL TUO ARGOMENTO A DUE SOLE POSSIBILITÀ.
Quindi se per voi una questione può essere solo bianca o solo nera vuol dire che non state ragionando del tutto correttamente. Ovviamente le circostanze e le modalità contano molto.

7. NON SOSTENERE CHE UN’AFFERMAZIONE È VERA SOLO PERCHÉ NON TI DIMOSTRANO CHE È FALSA E VICEVERSA.
Sostengo questo messaggio da tantissimi anni e sono molto soddisfatto perché prima di oggi non ero a conoscenza di questa tavola dei dieci comandamenti della logica.
Pensateci bene, parecchie volte capita che si prenda per vera un’affermazione per CONVENIENZA più che per LOGICA.

8. NON ATTRIBUIRE L’ONERE DELLA PROVA A CHI CONTESTA L’ARGOMENTO.
Parole sacrosante! Se siete convinti di un qualsiasi argomento, provatelo! E se vi contestano, fate ricerche e provatelo ancora meglio! In primis, in questo modo non rischiate di dire e di essere convinti di “aria fritta”. In secundis perché è un ottima palestra per riflettere e ragionare.

9. NON SOSTENERE CHE “QUESTO” DERIVA DA “QUELLO” QUANDO NON C’È CONNESSIONE LOGICA.
Questo comandamento a mio modesto parere è quello più difficile da rispettare, perché alla fine gli esseri umani per istinto (concedetemi il termine) utilizzano il metodo dell’associazione per qualsiasi cosa, di conseguenza essere abbastanza razionali certe volte è veramente difficile.

10. NON SOSTENERE CHE SICCOME UNA PREMESSA È MOLTO POPOLARE ALLORA DEVE ESSERE VERA.
Quanto soddisfazione nel leggere queste parole, quasi mi commuovo, lo dico da sempre e sempre lo dirò “la maggioranza può definire la FORZA, ma non sempre la FORZA ha RAGIONE”. Quanto odio ho provato e provo tuttora quando sento frasi come “e ma lo dicono tutti, quindi è così”.

Non ho molto altro da aggiungere, ringrazio la pagina Facebook Evoluzione Silenziosa per aver condiviso con il web questa l’immagine contenente i dieci comandamenti scritti in questo articolo. Poterli rispettare rappresenterà un duro sforzo ma ce la metterò tutta durante le prossime discussioni. Spero che possano essere utili anche a voi e che l’articolo sia stato di vostro gradimento.

Un sorriso per tutti,
L’Onironauta,
Alfredo Matrella

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>