L’avvocato? Ci beve sù

d7bc2db9af1696c2aa8345e51220d861_medium

Secondo uno studio co-finanziato dalla ABA e Hazelden e reso noto dalla rivista statunitense Lawyerist.com, un terzo degli avvocati avrebbe problemi con l’alcool e molti altri soffrirebbero di ansia e depressione.

Dallo studio è emerso in particolare che il 36% degli avvocati intervistati ha dato risposte coerenti con un consumo pericoloso di bevande alcoliche o, addirittura, di un vero e proprio abuso o dipendenza.

I dati sono allarmanti specie se confrontati con quelli di altre categorie professionali.

Nel caso di medici, ad esempio, solo il 15% delle persone intervistate ha dato risposte coerenti con un possibile abuso di bevande alcoliche.

Ma perché la categoria forense è così fortemente esposta a questo rischio?

Secondo la rivista del Minneapolis tutto dipende dal fatto che gli avvocati debbono sopportare un alto carico di lavoro e sono costantemente sottoposti a un forte stress lavorativo.

Dallo stesso studio sono emersi altri dati preoccupanti: il 28% degli avvocati soffre di depressione mentre il 19% mostra sintomi di ansia.

E vi è una maggiore incidenza di problemi con l’alcool nei giovani avvocati che si trovano nei primi 10 anni di carriera.

Fonte: www.studiocataldi.it

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>