Presentata la guida più “dolce” d’Italia

le-migliori-pasticcerie-2016-gambero-rosso

Per il quinto anno consecutivo il “Gambero Rosso” ha premiato i migliori laboratori dolciari d’Italia. 15 pasticcerie al top per un percorso culinario d’eccellenza tra realtà affermate e nuove sfide.
I migliori dolci d’Italia? Non a Napoli né a Palermo. Li trovate a Brescia. Parola di “Gambero Rosso”, che il 23 novembre scorso ha presentato a Torino la nuova edizione della guida “Pasticceri & Pasticcerie 2016”. La guida ha premiato per il quinto anno consecutivo il top dell’arte pasticcera nostrana, anche se quest’anno l’orgoglio dei premiati può considerarsi doppio. Elencare i migliori laboratori d’Italia vuol dire in questo momento fare una lista dei più grandi esponenti della migliore scuola dolciaria al mondo, titolo sugellato dalla medaglia d’oro vinta dall’Italia a Lione nel Campionato mondiale del settore in gennaio. In cima alla lista, anche quest’anno, sempre lui, Igino Massari e la sua Pasticceria Veneto con base a Brescia. Il laboratorio dell’illustre maestro di fama mondiale si è collocato con 93 punti su 100 e una menzione speciale alla testa delle quindici pasticcerie premiate con le “tre torte”, il massimo riconoscimento assegnato dalla guida.
Sul podio la Pasticceria Besuschio ad Abbiategrasso (Mi) e Gino Fabbri Pasticcere a Bologna. La top quindici comprende poi Acherer a Brunico (Bz), Biasetto a Padova, Dalmasso ad Avigliana (To), Pasquale Marigliano ad Ottaviano (Na), Nuovo Mondo a Prato, L’Orchidea a Montesano Sulla Marcellana (Sa), Cortinovis a Ranica (Bg), Cristalli di Zucchero a Roma, Martesana a Milano, Pasticceria Agricola Cilentana Pietro Macellaro a Piaggine (Sa), Rinaldini a Rimini e infine Caffè Sicilia a Noto (Sr). Premiati invece con “due torte” altri 63 laboratori di livello sparsi per tutta la Penisola.
La scuola dolciaria italiana, riporta la guida, è oggi alla ricerca di un continuo perfezionamento e del confronto con gli altri settori della gastronomia. L’attenzione alle realtà del mercato alimentare la impegna in particolare su due fronti dell’innovazione culinaria: coniugare senza compromessi palato e salute con ingredienti meno pesanti e sempre più sani; soddisfare la crescente percentuale di persone che soffrono di intolleranze alimentari.

1441897029114luca-montersino-1-1032

A segnalare questa attenzione il nuovo premio “Gusto & Salute”, assegnato a Golosi di Salute di Luca Montersino e Marra Pane Pasticceria Pausa e Delizie di Cantù. Gli altri premi speciali hanno invece visto trionfare Giulia Cerboneschi della Dolce Locanda di Verona nella categoria “Pasticcere emergente 2016” e D&G di Denis Diani a Selvazzano Dentro (Pd) per il titolo di “Miglior packaging”. “Miglior sito” web a Pavè di Milano, mentre la “Novità dell’anno” è la Farmacia Del Cambio diretta dal pastry chef Fabrizio Galla a Torino.
Vincenzo Cerra

 

 

 

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>