Unici: le quattro giornate di Vasco

vasco

Il titolo richiama alla memoria un’impresa eccezionale: la liberazione della città di Napoli dalle forze armate tedesche. E un’impresa eccezionale è anche quella che la squadra di Unici ha realizzato con “Le quattro giornate di Vasco” in onda su Rai Due il 30 agosto alle ore 21:25.

L’esercito di Giorgio Verdelli, autore, ideatore e regista del fortunato programma in cui ciascuna puntata viene cucita sull’artista prescelto come un abito di alta sartoria, ripercorrendo i concerti tenuti da Vasco Rossi allo Stadio Olimpico di Roma, ne trae spunto per raccontarne i primi 40 anni di carriera.
Un successo trasversale quello di Vasco Rossi, che intreccia passato, presente e futuro; un successo senza età, senza etnia, senza etichetta; il successo di un artista che con la sua musica e le sue canzoni racconta trasgressioni, emozioni, sentimenti, vita.
Una vita spericolata sì, ma comunque autentica. Ed è forse proprio questo suo raccontarsi senza filtri che lo ha reso così amato dal suo popolo di fedelissimi, quelli che lui stesso ama definire “miei simili” e che raccoglie anche nomi noti, come quelli di Emma Marrone, Samuele Bersani, Gaetano Curreri, Milena Gabanelli, Ilenia Pastorelli, attraverso i racconti dei quali scopriremo aneddoti di vita e di musica del rocker italiano più amato.
Squadra che vince non si cambia e, quindi,
anche per questo imperdibile evento, Giorgio Verdelli si è affidato alla preziosa collaborazione del suo team: Tommaso Cennamo, Silvia Fiorani, Chiara Di Giambattista, Davide Fiorani e Roberta Rei.
La squadra di Unici resta immutata, ma la formula del programma si presenta in una veste parzialmente diversa; in questa puntata, infatti, non solo avremo la possibilità di sbirciare nel backstage dei concerti, ma potremo ascoltare i racconti dei fans di Vasco, con le loro storie di viaggi iniziati all’alba e di accampamenti fuori dallo stadio per assicurarsi la prima fila del concerto.
L’appuntamento è di quelli imperdibili: per chi ha vissuto in prima persona le emozioni dei live di Vasco, per chi non ha potuto partecipare, per chi ama la sua musica e per chi, semplicemente, ha voglia di approfondire, attraverso un programma ben “confezionato” e realizzato in modo competente e professionale, la conoscenza di un artista che non ha mai fatto smettere di parlare di sè.

 
Alessia Pellegrino

 

 

 

 

 

 

No Comments Yet

Comments are closed